CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (GR), 29.09.2015 – Evento Finale del Progetto Proterina Due

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA (GR)| 29 SETTEMBRE 2015 | 09.30 SALA DEL CONSIGLIO COMUNALE

Il progetto PROTERINA-Due, finanziato nell’ambito programma Italia-Francia “Marittimo 2007-2013”, nasce come prosecuzione naturale delle attività di PROTERINA-C
e RESMAR. Il progetto si occupa dell’informazione legata alla previsione dei rischi naturali, sia dal punto di vista del monitoraggio e modellazione degli eventi che come gestione dell’emergenza e informazione alla cittadinanza.

Le attività hanno riguardato due principali linee di azione. La prima relativa al potenziamento delle reti di osservazione delle regioni di interesse, con un focus sulle problematiche legate al rischio idrogeologico e al rischio incendi boschivi.
La seconda ha lavorato al miglioramento della partecipazione e della condivisione delle informazioni tra gli enti istituzionali, cittadini e territorio.

In particolare il Consorzio LaMMA ha realizzato, grazie alla collaborazione con il Comune di Castiglione della Pescaia, l’installazione di un nuovo radar meteorologico in banda X, che va ad integrare la rete radar regionale. Inoltre, in accordo con il Centro Funzionale e la Protezione Civile della Regione Toscana, è stata acquistata nuova strumentazione e sensoristica per il monitoraggio ambientale e la gestione delle emergenze, aggiornando sia la rete di osservazione regionale che le sale operative territoriali.

Programma Evento

Percorso sperimentale di condivisione e formazione per la redazione di Piani Comunali di Emergenza

La Legge 100 del 12 giugno 2012 ha ribadito l’obbligo per i Comuni di dotarsi di un Piano di Emergenza di protezione civile. Nonostante ciò, a più di due anni di distanza , la percentuale a scala nazionale di Comuni che ha adempiuto correttamente a tale prescrizione è del 77%.

Fondazione CIMA propone di sperimentare con un gruppo ristretto di Comuni un percorso di condivisione su tematiche di dettaglio legate alla pianificazione di emergenza e alla revisione di un piano tramite approccio partecipativo. Il percorso sarà articolato in cinque giornate durante le quali i partecipanti potranno confrontarsi con relatori su tematiche specifiche (il sistema di Protezione Civile, la struttura di un Piano di Emergenza, le tecniche e modalità di coinvolgimento della cittadinanza e delle strutture esterne, la costruzione di scenari, l’organizzazione del presidio territoriale, la manutenzione del territorio, la comunicazione in fase di emergenza), seguite da una giornata di lavoro in cui – divisi in gruppi di piccole dimensioni – verranno seguiti da un tutor nella costruzione dell’indice commentato del Piano di Emergenza di uno dei Comuni coinvolti.

La partecipazione è condizionata alla stipula tra Fondazione CIMA e il Comune di provenienza di un accordo quadro tramite il quale i due Enti si impegnano a collaborare – tra l’altro – per l’adozione, lo sviluppo, l’affinamento e la manutenzione del Piano di emergenza comunale, favorendo metodi di partecipazione della cittadinanza.
La partecipazione è co-finanziata da Fondazione CIMA tramite il progetto Italia-Francia Marittimo PROTERINA-Due. Ai partecipanti è chiesto un contributo di 300€ ciascuno per coprire i costi di vitto e di organizzazione.

Per iscriversi compilare il modulo online entro il 20 maggio 2015; in alternativa è possibile scaricare la scheda di iscrizione, compilarla e inviarla entro la stessa [...]

ALGHERO| 27 maggio 2015 – La comunicazione del rischio ambientale: strategie, sinergie e nuove sfide

ALGHERO| 27 maggio 2015 | 16.00 – 18.00, HOTEL CALABONA | INGRESSO LIBERO

Con esperti ricercatori, autorevoli giornalisti e comunicatori scientifici italiani, amministratori locali e rappresentanti delle istituzioni parliamo di modalità di gestione e comunicazione dei rischi ambientali e ne facciamo un’occasione di confronto, dibattito e approfondimento per identificare le sinergie e minimizzare i rischi di conflittualità che possono insorgere tra i diversi attori preposti a fornire informazioni alla popolazione.

Particolare attenzione verrà dedicata ai rischi connessi alla possibile deformazione, semplificazione o eccessiva spettacolarizzazione dei messaggi su eventi a forte impatto emotivo e, più in generale, al ruolo dei media e del mondo della ricerca sulla sensibilizzazione ed educazione della popolazione.

Infine, i partecipanti alla tavola rotonda discuteranno le modalità di percezione di tali tematiche da parte della popolazione stessa ed indagheranno sulla consapevolezza della popolazione del suo importante ruolo nella prevenzione dei rischi ambientali.

Parteciperanno e interverranno nella discussione:

Luca Mercalli – Presidente della Società Meteorologica Italiana, giornalista scientifico
Mauro Buonocore – Ufficio Stampa CMCC
Grazia Pellizzaro – Ricercatore CNR
Immacolata Postiglione – Servizio per la diffusione della conoscenza della
Protezione Civile
Graziano Nudda – Protezione Civile Regione Sardegna
Nicola Sanna – Sindaco di Sassari

 
Moderatore:
Elisabetta Tola – Giornalista e comunicatrice scientifica, formicablu
 
Documenti:
 
Comunicato